Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

IMG 20180224 WA0005

 

Con un interessante incontro ospitato sabato 24 febbraio nella Sala Mediateca del Palazzo delle federazioni del Coni, Aise (Associazione Italiana Specialisti dell’Esercizio Fisico) si è ufficialmente presentata anche a Rovigo. Un evento che ha chiamato a raccolta circa 30 persone tra studenti e i laureati in Scienze e tecniche delle Attività motorie preventive e adattate, ma anche possessori di titolo di studio equivalente. A tutti è stata ricordata l’importanza di potersi identificare come “specialisti dell’esercizio fisico”.

“Questa professione in realtà è nata nel 1998 con l’introduzione della facoltà di Scienze motorie e l’allungamento a quattro anni del percorso universitario che prima portava al diploma Isef – ha spiegato Gerarda Soren, presidente Aise – La nostra associazione nasce nel 2014 proprio dall’esigenza di riunire tutti i laureati magistrali per tutelare le specificità professionali acquisite e dare loro un’identità precisa nel mercato del lavoro. Ci siamo avvalsi della legge n.4 del 14 gennaio 2013 per creare Aise e costituirci come una nuova categoria professionale, quella dello specialista dell’esercizio fisico”.

Come illustrato durante l’incontro, lo “specialista dell’esercizio fisico” opera fondamentalmente in quattro ambiti: progetta e attua programmi di attività motoria destinati a specifiche categorie di soggetti, organizza e pianifica attività per suggerire corretti stili di vita e curare particolari patologie, previene vizi posturali e cura il recupero motorio post-riabilitativo per ridare efficienza fisica, progetta attività motorie adattate destinate alle persone disabili.

“Aise accoglie solo i laureati in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattate. Li invitiamo ad associarsi per potersi promuovere meglio nel mondo del lavoro – ha spiegato Gerarda Soren – La professione dello ‘specialista dell’esercizio fisico’ è già stata riconosciuta in Veneto dalla Legge regionale in materia di attività motoria e sportiva approvata nel 2015. Speriamo nel tempo si possa arrivare anche un riconoscimento a livello statale”. Aise garantisce formazione di qualità e ai propri soci chiede infatti un continuo aggiornamento. “Vogliamo far sì che tutti possano aumentare le loro conoscenze e siano costantemente allineati con le finalità dell’associazione – sottolinea la presidente – Per questo organizziamo work-shop periodici che consentano di acquisire i crediti necessari per restare in Aise e continuare ad avvalersi del titolo di ‘specialista dell’esercizio fisico’”.

Durante l’incontro rodigino sono intervenuti anche Ottavia Menin, segretario generale Aise, ed Enrico Pozzato, consigliere dell’associazione. Con loro si è sottolineata l’importanza dell’ “attestato di qualità e qualificazione professionale dei servizio per lo specialista dell’esercizio fisico”, si è parlato delle “Palestre della salute”, istituite con la citata legge regionale del 2015, e si è affrontato anche il tema della copertura assicurativa professionale per lo specialista dell’esercizio fisico.