Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

 

Dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo arriva un nuovo, sostanzioso aiuto allo sport giovanile. Per il settimo anno di fila il bando “Sportivamente” si traduce in fondamentale linfa per le società sportive delle province di Padova e Rovigo che sostengono l’attività Under 18. Buoni acquisto che permetteranno di rinnovare la dotazione di materiale sportivo destinato alle discipline giovanili. La cerimonia di consegna al Palazzo Roncale per quanto riguarda la provincia di Rovigo si è tenuta ieri sera nella splendida cornice di Palazzo Roncale, nel centro storico del capoluogo.

Sono in totale 56 le società sportive polesane che riceveranno un contributo: 45 quelle affiliate a Federazioni sportive nazionali, 10 quelle iscritte a Enti di promozione sportiva e una quella tesserata con il Comitato Italiano Paralimpico. Numeri in linea con quelli della passata edizione del bando, divenuto ormai un punto di riferimento per lo sport polesano. I buoni acquisto erogati alle società beneficiarie hanno importi di vario taglio: 2 i contributi da 5.000€, 8 quelli da 3.000€, 46 quelli da 2.000€ e 8 quelli da 1.000€. Il totale delle domande arrivate agli uffici del Coni Point Rovigo sono state oltre 90.

Vivace la cerimonia di consegna che rovigo2ha visto riempirsi il salone del Palazzo Roncale di dirigenti e atleti. A fare gli onori di casa il delegato provinciale del Coni di Rovigo Lucio Taschin che ha scandito il ritmo delle premiazioni insieme al coordinatore tecnico del Coni Point di Rovigo Enrico Pozzato. “Le istituzioni e le aziende spesso promuovono iniziative di sostegno solo per spot. Ma non è il caso della Fondazione Cariparo. Oggi non siamo qui per la forma, ma per la sostanza – ha ricordato il numero uno del Coni provinciale – Questo bando ha fatto la storia dello sport polesano ed è unico in Italia. Ma nello sport per raggiungere un risultato è importante fare rete e il Coni Point ha deciso da tempo di recitare la sua parte a fianco della Fondazione. L’interesse è comune: fare il bene dello sport giovanile”.
A rappresentare la Fondazione Cariparo i consiglieri Maddalena Zanetti e Flavio Zampieri. “Siamo arrivati alla settima edizione di questo bando e ogni volta è sempre bellissimo poter dare un aiuto alle società sportive – ha osservato proprio Maddalena Zanetti, portando i saluti del presidente Antonio Finotti – La Fondazione è sempre vicina al territorio e ai nostri giovani. Da quest’anno abbiamo deciso di destinare parte del contributo totale al sostegno di atleti paralimpici che stanno cercando di qualificarsi alle prossime Paralimpiadi. Un’altra parte è stata invece dedicata all’organizzazione di eventi che illustrino i più sani valori dello sport”.
A sottolineare l’importanza di “Sportivamente” anche Luigi Paulon. “Mi sento in squadra con il Coni, la Fondazione e con tutti voi – il saluto alle società dell’assessore allo sport del Comune di Rovigo – Questo bando è da prendere come esempio e spero che anche il Comune di Rovigo possa stabilmente dare un contributo alle società locali sulla base di un sistema meritocratico”.
Naturalmente non poteva mancare il presidente del Coni Veneto Gianfranco Bardelle che ha ricordato come le provincie di Rovigo e Padova siano “fortunate ad avere uno sponsor come la Fondazione Cariparo. Un ente che ha messo lo sport allo stesso livello della cultura. L’obiettivo del Coni è proprio la diffusione di una cultura dello sport per far crescere nel modo migliore gli uomini di domani. I soldi investiti nello sport non sono buttati, al contrario sono importantissimi. E questo è stato pienamente compreso dalla Fondazione che continua a destinare contributi alle società e a finanziare opere come il bellissimo Palazzetto dello sport di Villadose”.