Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Panetta etc

 

 

Terminano domani mattina, con la prova di orientamento e le finali di hockey su prato e pallavolo, i Giochi del Veneto estivi, organizzati dal Coni regionale a Caorle.

Sui vari campi di gara si sono alternato circa 1.200 atleti Under 14, in 18 discipline differenti, dando vita, come sempre, a una interessantissima kermesse.

Questa mattina al Centro civico di piazza Vascovado, si è tenuto il convegno “Etica & Sport”. Durante il suo intervento di presentazione, il presidente del Coni regionale, Gianfranco Bardelle, ha ricordato che “Il Veneto è stata la prima regione in Italia a organizzare questi Giochi e che solo in seguito si sono estesi nella altre parti della Penisola, e diventati così importanti che il Coni centrale ha deciso di allestire delle finali nazionali, il Trofeo Coni Kinder + Sport”.

Finali che però non si sono mai disputate nel Veneto, che non foss’altro per la “primogenitura” , se lo meriterebbe.

Molto apprezzato l’intervento del docente di Filosofia dello Sport, Marcello Marchioni, che ha illustrato la struttura dello sport in Italia, facendo i paragoni con cinquant’anni fa, per apprezzare meglio l’evoluzione e la costante crescita dei praticanti, ma anche per rimarcare le tante cose dove si deve ancora progredire, ricordando che in qualsiasi modo si segua lo sport “siamo tutti accomunati dalle emozioni”.

Interessante e ricco di dati, l’intervento di Michele Barbone, presidente nazionale della Federazione danza e membro di Giunta del Coni, che ha fatto presente come da anni esista il Codice di Comportamento Sportivo, che, purtroppo, il 90 per cento degli interessati neppure sa che esiste.

Quindi, coordinati da Dino Ponchio, direttore scientifico della Scuola dello sport di Padova, ed ex commissario tecnico della nazionale di atletica leggera, hanno preso la parola la regina del salto in alto Sara Simeoni, il canottiere plurititolato Rossano Galtarossa è l’ex campione di mezzofondo e delle siepi, Francesco Panetta, che hanno raccontato alcuni aneddoti, legati all’etica o al far play, delle loro carriere.

E’ stata quindi la volta dell’assessore regionale allo Sport, Cristiano Corazzari, che ha illustrato la “Carta etica dello sport veneto” e che ha spiegato le modalità da seguire per aver diritto ai bandi indetti per l’assegnazione di fondi.

Un convegno davvero interessante e ricco di spunti, che, inserito nel contesto dei Giochi del Veneto, ha assunto una valenza del tutto particolare.