Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Lo sport del Veneto scende in piazza per chiedere attenzione e aiuto concreto per poter uscire dalla crisi che l'ha investito a causa dell'emergenza Covid.
Sabato 8 maggio, alle ore 11, nelle principali piazze dei sette capoluoghi di provincia, Coni Veneto, Cip Veneto e i rappresentanti dello sport veneto - in primis quelli dello sport di base - daranno luogo ad un presidio (statico, pacifico e nel rispetto delle norme Covid vigenti) con il quale evidenziare le difficoltà in cui versa tutto il comparto dilettantistico. 
Difficoltà non solo economiche (affitti, luce, acqua, gas,sanificazioni…) e di minori introiti da parte degli sponsor ma anche crisi di carattere sociale e psicologico che sta colpendo i nostri ragazzi.
Crisi che si manifesta in un calo di adesioni, sintomo di abbandono precoce. 
 
Dino Ponchio - Presidente Coni Regionale Veneto
Ruggero Vilani - Presidente Comitato Regionale Veneto CIP
 
ConiVnCipVn Flash