Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Logo Az0

Arriva dalla Regione Veneto un segnale di sostegno e vicinanza tangibile nei confronti dello sport Veneto. È infatti ufficiale da martedì 22 giugno la notizia che Azienda Zero, su indicazioni dell’Assessore alla Sanità del Veneto Manuela Lanzarin, fornirà gratuitamente al Coni Veneto 9000 tamponi test antigenici rapidi per il Covid-19.
I tamponi verranno successivamente distribuiti dal Coni Veneto alle Federazioni organizzatrici di eventi a carattere regionale.
“Circa un mese mezzo fa” - spiega il Presidente Coni Veneto Prof. Dino Ponchio – “ho contattato il Presidente Zaia e l’Assessore Lanzairn per richiedere ufficialmente l’invio gratuito di tamponi da utilizzare in occasione di eventi sportivi. La richiesta è stata subito accolta e una ventina di gironi fa è arrivato anche il nulla osta da parte di Azienda Zero. A questo punto abbiamo fatto un planning delle necessità delle Federazioni in base al calendario delle manifestazioni agonistiche. Alla fine, tenuto conto che nel frattempo tanti campionati si sono conclusi, sono rimaste 14 Federazioni che, per il periodo giugno-settembre hanno richiesto un totale di 8860 tamponi”.
“In data 22 giugno” – prosegue il Prof. Ponchio – “è arrivata dal Direttore Sanitario di Azienda Zero la conferma dell’invio di 9000 tamponi che verranno presi in carico direttamente dal Coni Veneto che, successivamente, si farà quindi carico della distribuzione degli stessi alle Federazioni in base alla richiesta. Le Federazioni avranno l’obbligo di far somministrare tamponi esclusivamente ai medici presenti agli eventi e di registrazione gli esami effettuati sul portale della Regione Veneto. In caso di positività accertate verranno attivati tutte le procedure previste dal protocollo Covid-19 della Regione Veneto”. 
Conclude Ponchio: “Come CONI Veneto siamo soddisfatti e orgogliosi di aver ottenuto dalla Regione Veneto - al quale va il mio sincero e sentito ringraziamento – un sostegno così importante. Questa iniziativa, voluta fortemente dal sottoscritto e dalla Giunta del CONI Veneto, permetterà di offrire un servizio allo sport Veneto quantificabile in oltre duecentomila euro. Si tratta di un’iniezione di fiducia, tangibile,  per aiutare i nostri sportivi a ritornare a gareggiare, a divertirsi e, perché no, anche a vincere!”.
Queste, in ordine alfabetico, le Federazioni che usufruiranno dei test antigenici rapidi (tra parentesi il cognome dei Presidenti e il numero di tamponi ottenuto):

CIP - Comitato Italiano Paralimpico Veneto (Vilnai, 2150)
FIB - basket (Nardi, 1900)
FIC - canottaggio Verona (Panziera, 800)
FIGC - calcio (Ruzza, 60)
FIGS - squash (Zordan, 100)
FIJLKAM - judo, lotta, karate, arti marziali (Erissini, 390)
FIN - nuoto (Cognonato, 1665)
FIS - scherma (Spieniella, 650)
FISO - orienteering (Gazzerro, 600)
FITET - tennis tavolo (Grigigo, 50)
FIV - vela (Pappagallo, 100)